Cresci.Mi – Lo Stage per la nuova classe dirigente delle Misericordie

Cresci.Mi – Lo Stage per la nuova classe dirigente delle Misericordie

La Confederazione Nazionale delle Misericordie vuole rivolgere un’attenzione particolare ai Nuovi Dirigenti delle nostre associate, promuovendo uno specifico percorso di formazione sia sugli aspetti tecnico organizzativi che su quelli della cultura e dell’identità del Movimento. L’evento formativo si terrà a Firenze da oggi (2 febbario) fino a sabato 4 (febbraio).

E’ la crescita delle nostre Misericordie il motivo alla base dello stage formativo Cresci.Mi. Una crescita che riguarda l’organizzazione ma in particolare la una nuova classe dirigente. L’acronimo Cresci.Mi. evoca sia la CRESCIta della MIsericordia sia, soprattutto, la crescita (in termini di consapevolezza, conoscenza e valori) della singola persona, nello specifico i nuovi Governatori.

8089776_orig
E’ un percorso necessario per chi, tra i confratelli e le consorelle, si appresta a prendere responsabilità di primo piano all’interno di nuove Misericordie o in quelle realtà già esistenti che vivono un cambio nel governo.
E’ organizzato in 3 giorni (2 mezze giornate più una giornata piena) che permettono di sviluppare i 4 moduli qui descritti:

-Il movente ideale.
Le caratteristiche insite in una organizzazione di comunità, l’importanza del dono , della gratuità, dell’identità e del rapporto con il territorio e il contesto di riferimento.
L’importanza del volontariato di comunità

-L’amministrazione.
orientamento area fiscale e contabilità, gestione amministrativa, statuto e approfondimento ruoli organi sociali.
-I servizi.
Quali servizi si sono consolidati nelle Misericordie in Italia, quali le azioni e le attività in evoluzione in relazione anche ai nuovi bisogni. Il rapporto fra i servizi e le competenze
necessarie. Uno sguardo ai processi formativi. L’opportunità del Servizio civile.

-gli elementi costitutivi.
Le Misericordie e le origini, il senso dell’essere e “fare”cristiano, le Opere spirituali e di Misericordia, la vestizione e gli elementi identitari. La figura necessaria del Correttore.